Terapia difficile? Parlane con il medico

Lettura: 3 min

Ipertensione: una terapia “semplice” è più efficace

La prospettiva di dover prendere farmaci ogni giorno, e per un lungo periodo, può davvero mettere in crisi molti pazienti. Tanto da compromettere spesso il buon esito delle terapie: di tutti gli ipertesi che hanno ricevuto una prescrizione di farmaci antipertensivi, infatti quasi la metà ne interrompe volontariamente l’assunzione entro solo un anno.1

Semplice dimenticanza, svogliatezza oppure paura di ipotetici effetti collaterali dei farmaci nel lungo termine?2 In realtà, sono tante le cause della scarsa aderenza alle terapie antipertensive, ancora oggi così diffusa tra gli ipertesi.

Eppure, le evidenze raccolte dagli esperti parlano chiaro: l’assunzione corretta dei medicinali, con il rispetto di dosi e frequenza raccomandate dal medico, è la strategia più efficace per abbassare la pressione arteriosa e per allontanare, di pari passo, gli altri fattori di rischio cardiovascolare1 e anche la più sicura per la salute, dato che gli attuali farmaci antipertensivi riducono fino al 30% il rischio di ictus e fino al 15% quello di infarto del miocardio.1

Di contro, fare pasticci con le terapie non porta a nulla di buono. Correre ‘ai ripari’ prendendosi una doppia dose quando ci si è dimenticati una pillola oppure riadattare ‘alla giornata’ gli orari di assunzione in base ai propri impegni può seriamente compromettere l’efficacia dei farmaci stessi. La scarsa aderenza, infatti, è stata associata non solo a un peggiore controllo della pressione ma anche a un maggior rischio di ospedalizzazione o riospedalizzazione nel tempo.3

Una terapia semplice è più efficace: parlane col medico

Ma la colpa non è solo degli ipertesi. Studi recenti, infatti, hanno messo in luce che tanto più una terapia è complessa, minore è la probabilità che i pazienti riescano davvero a seguirla correttamente. Infatti, se il 79% degli ipertesi osserva di buon grado l’assunzione di una sola pillola al giorno, solo il 51% riesce a stare dietro a terapie con quattro o più farmaci e orari di assunzione quotidiani.1 Oggi la tendenza, quindi, è quella di semplificare, quando possibile, le terapie antipertensive per renderle più ‘a misura’ del paziente e dei suoi impegni quotidiani.3

A questo scopo, instaurare un buon rapporto con il proprio medico curante è fondamentale.1

È importante condividere con il medico:1-3

  • dubbi sull’efficacia dei farmaci prescritti
  • timori sugli effetti collaterali delle terapie
  • se si assumono altre terapie
  • quando si preferisce assumere i farmaci in base ai propri impegni
  • il tipo di attività quotidiane svolte (lavoro fuori casa, viaggi, ecc.)
  • se familiari/parenti possono aiutarci a rispettare le terapie

Per una terapia ‘su misura’ può essere utile anche riportare su un diario il numero di dosi saltate o prese a orari sbagliati: in questo modo, durante la visita di controllo, sarà più facile valutare le difficoltà di aderire correttamente alla terapia prescritta e, se possibile, modificarla a un regime più facilmente gestibile.4

Riferimenti

1. Brown T et al. Medication Adherence: WHO Cares? Mayo Clin Proc. 2011; 86(4):304-314.

2. Gascón JJ et al. Why hypertensive patients do not comply with the treatment Family Practice. Fam Pract. 2004; 21(2):125-30.

3. Mancia G, et al. 2023 ESH Guidelines for the management of arterial hypertension. J Hypertens. 2023. doi: 10.1097/HJH.0000000000003480. Online ahead of print

4. Volpe M, et al. Il ruolo dell’aderenza al trattamento farmacologico nella terapia cronica delle malattie cardiovascolari: documento intersocietario di consenso. G Ital Cardiol 2014; 15(10 Suppl 1):3S-10S.

Potrebbe interessarti anche

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Giornata Nazionale per l’Aderenza alla terapia: il Gruppo Servier in Italia è sempre in prima linea

Con oltre 8 milioni di over-65 affetti da almeno una malattia cronica, 5 milioni e mezzo che ne hanno almeno tre e circa 2 milioni di anziani costretti ad assumere […]

Lettura: 2 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

L’importanza dell’aderenza nelle terapie per l’ipertensione

Per riportare la pressione arteriosa entro i “limiti di sicurezza” è importante dare un taglio alle cattive abitudini e ricorrere eventualmente all’aiuto dei farmaci antipertensivi.1 Nonostante il fatto che la […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

A consulto dal Dott. Google: c’è da fidarsi?

Oggigiorno le informazioni mediche sono ampiamente disponibili e facilmente accessibili su Internet, ovunque nel mondo.1 In un sondaggio condotto su più di 12.000 persone, in 12 paesi diversi, dal 12% […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Promuovere l’aderenza: un obiettivo possibile, anzi un dovere

L’aderenza è un concetto tutt’altro che astratto, ed è un tema di notevole interesse anche per la ricerca scientifica: l’efficacia di qualsiasi terapia, d’altra parte, presuppone che essa venga seguita […]

Lettura: 2 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Il fai da te: l’automonitoraggio

In alcune situazioni, in Medicina, il fai da te è sconsigliato in quanto potrebbe portare a commettere errori, come l’assunzione di un antibiotico in caso di febbre senza che sia […]

Lettura: 2 min