Promuovere l’aderenza: un obiettivo possibile, anzi un dovere

Lettura: 2 min

L’aderenza è un concetto tutt’altro che astratto, ed è un tema di notevole interesse anche per la ricerca scientifica: l’efficacia di qualsiasi terapia, d’altra parte, presuppone che essa venga seguita attentamente.1

Nel caso dell’ipertensione arteriosa, per esempio, si stima che in circa metà dei casi l’assunzione dei farmaci si interrompa entro il primo anno, con un conseguente aumento dei rischi per l’individuo e dei costi assistenziali.1

Più in dettaglio, l’aderenza può essere “scomposta” in tre fasi: l’inizio, l’attuazione e il mantenimento nel tempo, meglio noto come “persistenza”.1

Il paziente deve impegnarsi, è vero, ma anche il medico deve cercare di creare i migliori presupposti e sorvegliare con discrezione il comportamento del proprio assistito.2

Numerose sono infatti le strategie che possono facilitare l’aderenza: il paziente può compilare, per esempio, un diario in cui annotare di giorno in giorno i farmaci assunti, oppure utilizzare un’app per ricordarsi la terapia o un contapillole elettronico;2 il medico potrebbe fare ricorso a questionari e prescrivere cure “semplici” (per esempio con farmaci combinati e tali da ridurre il numero di somministrazioni).1

Non mancano, insomma i metodi per promuovere e migliorare l’aderenza, ma è fondamentale adottare di volta in volta quelli più adatti a ciascun individuo.

Allo stesso modo l’aderenza richiede costanza, motivazione e consapevolezza:1 tutti “ingredienti”, questi, che devono essere continuamente alimentati e sostenuti e per i quali il ruolo del medico è imprescindibile, con l’obiettivo di ottenere il miglior risultato.

Riferimenti:

1. Vrijens B, et al. Current Situation of Medication Adherence in Hypertension. Front Pharmacol. 2017; 8:100.

2. Volpe M, et al. Il ruolo dell’aderenza al trattamento farmacologico nella terapia cronica delle malattie cardiovascolari: documento intersocietario di consenso. G Ital Cardiol 2014; 15(10 Suppl 1):3S-10S.

Potrebbe interessarti anche

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Il fai da te: l’automonitoraggio

In alcune situazioni, in Medicina, il fai da te è sconsigliato in quanto potrebbe portare a commettere errori, come l’assunzione di un antibiotico in caso di febbre senza che sia […]

Lettura: 2 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

L’unione fa la forza

Talvolta, anche in medicina, due principi attivi sono meglio di uno: la loro associazione, insomma, permette di ottenere maggiori benefici.1 Spetta ovviamente al medico stabilire se, quando e come ricorrere […]

Lettura: 1 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

L’importanza dell’aderenza nelle terapie per l’ipertensione

Per riportare la pressione arteriosa entro i “limiti di sicurezza” è importante dare un taglio alle cattive abitudini e ricorrere eventualmente all’aiuto dei farmaci antipertensivi.1 Nonostante il fatto che la […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Terapia difficile? Parlane con il medico

Ipertensione: una terapia “semplice” è più efficace La prospettiva di dover prendere farmaci ogni giorno, e per un lungo periodo, può davvero mettere in crisi molti pazienti. Tanto da compromettere […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Giornata Nazionale per l’Aderenza alla terapia: il Gruppo Servier in Italia è sempre in prima linea

Con oltre 8 milioni di over-65 affetti da almeno una malattia cronica, 5 milioni e mezzo che ne hanno almeno tre e circa 2 milioni di anziani costretti ad assumere […]

Lettura: 2 min