Il fai da te: l’automonitoraggio

Lettura: 2 min

In alcune situazioni, in Medicina, il fai da te è sconsigliato in quanto potrebbe portare a commettere errori, come l’assunzione di un antibiotico in caso di febbre senza che sia stato prescritto sulla base di una effettiva necessità. In altri casi, invece, il fai da te non soltanto è utile ma è anche fondamentale, al punto da essere una prassi per così dire doverosa. 

A questo proposito l’automonitoraggio è uno degli esempi più rappresentativi: al paziente è affidato il compito di tenere sotto controllo un parametro di riferimento, come ad esempio la pressione arteriosa o la glicemia, per seguire l’andamento della propria condizione clinica.1 

Ovviamente questo è stato reso possibile dalla tecnologia, che negli ultimi decenni ha sfornato vari dispositivi portatili, facilmente gestibili e affidabili, alcuni dei quali sono in grado di memorizzare ed elaborare un archivio di dati o perfino di trasmetterli in tempo reale al medico.2 

Il razionale dell’automonitoraggio risponde quindi a tre importanti criteri.

I criteri dell’automonitoraggio

  • Una malattia cronica deve essere seguita nel tempo e soprattutto nel contesto abituale di vita del paziente e ovunque egli si trovi: la pressione arteriosa, per esempio, registra delle variazioni in rapporto al momento della giornata e al contesto in cui viene misurata.3
  • L’andamento del valore di interesse permette di verificare se la terapia intrapresa è efficace o se è necessario modificarla, aumentando per esempio il dosaggio dei farmaci.1
  • L’automonitoraggio ha insito in sé il concetto del prendersi cura di sé ed è uno stimolo molto efficace all’aderenza attraverso l’attivazione di un circolo virtuoso: il fatto di dover acquisire quell’informazione, infatti, impone di riservare ogni giorno del tempo all’automonitoraggio e il risultato ottenuto offre un quadro di lettura immediato che incentiva a praticare la cura.1

Numerose esperienze dimostrano uno stretto legame tra automonitoraggio, maggiore aderenza e migliori risultati.2

Un ulteriore aspetto, infatti, è che il medico può rendersi conto di quanto il proprio assistito è costante e metodico nella rilevazione dei dati e da questo semplice riscontro può ricavare numerosi spunti per il trattamento.1

Riferimenti

1. Koopman RJ et al. Implementing Home Blood Glucose and Blood Pressure Telemonitoring in Primary Care Practices for Patients with Diabetes: Lessons Learned. TELEMEDICINE and e-HEALTH. 2014; 20(3):253-260.

2. Parati G, et al. Home blood pressure telemonitoring in the 21st century. J Clin Hypertens (Greenwich). 2018; 20(7):1128–1132.

3. Shimbo D, et al. Role of Ambulatory and Home Blood Pressure Monitoring in Clinical Practice: A Narrative Review. Ann Intern Med. 2015; 163(9):691–700.

Potrebbe interessarti anche

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

L’importanza dell’aderenza nelle terapie per l’ipertensione

Per riportare la pressione arteriosa entro i “limiti di sicurezza” è importante dare un taglio alle cattive abitudini e ricorrere eventualmente all’aiuto dei farmaci antipertensivi.1 Nonostante il fatto che la […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

A consulto dal Dott. Google: c’è da fidarsi?

Oggigiorno le informazioni mediche sono ampiamente disponibili e facilmente accessibili su Internet, ovunque nel mondo.1 In un sondaggio condotto su più di 12.000 persone, in 12 paesi diversi, dal 12% […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Tecnologie digitali e Aderenza

Gli strumenti digitali sono sempre migliori di quelli tradizionali nel promuovere l’aderenza alla terapia del diabete o dell’ipertensione arteriosa? Secondo le conclusioni di un lavoro di analisi e revisione della letteratura […]

Lettura: 2 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

Medico e confidente

Medico e confidente: così si migliora l’aderenza alle terapie1 “Aderenza” è un termine usato per descrivere la misura in cui un paziente si attiene alle istruzioni o alle raccomandazioni fornite […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

29 Novembre 2023

L’unione fa la forza

Talvolta, anche in medicina, due principi attivi sono meglio di uno: la loro associazione, insomma, permette di ottenere maggiori benefici.1 Spetta ovviamente al medico stabilire se, quando e come ricorrere […]

Lettura: 1 min