Se il medico fossi tu? Il caso di Giada

Lettura: 2 min

Cosa faresti in questo caso se fossi tu il medico di famiglia? Leggi il commento finale, che ti può aiutare a capire l’importanza dell’aderenza e della strategia per promuoverla.

Giada è un’arzilla pensionata e viene nel vostro studio per il controllo programmato: due settimane fa le avete prescritto una compressa per ridurre la pressione.

Giada

Allora, dottore cosa mi dice?

Voi

Mmm, non vedo miglioramenti…

Giada

Forse mi deve cambiare la cura. (nel frattempo estrae dalla borsetta la confezione del farmaco)

Voi


Mi faccia vedere, per favore… Ma lei non ha assunto le compresse! Guardi, avrebbero dovuto essere… Almeno la metà, considerati i giorni!

Giada


Ha ragione… Sa, le prime volte mi girava la testa, ho rischiato perfino di cadere e così…

Voi

… Ha pensato di interrompere.

Giada

Non proprio… Prendevo la pastiglia un giorno sì e un giorno no, ma non è cambiato nulla.

Voi

E così ha deciso di smettere del tutto. Ma perché non mi ha detto nulla?

Giada


Sì, sì, lo ammetto… Ho pensato però che ci saremmo rivisti a breve e ne avremmo parlato.

Cosa faresti tu?

  1. Consiglierei subito a Giada una cura diversa.
  2. Invierei Giada da uno specialista.
  3. Fisserei un nuovo appuntamento e, sgridandola, direi a Giada di venire soltanto dopo aver preso regolarmente il farmaco, senza preoccuparsi dei suoi effetti.
  4. Cercherei di capire cosa è successo e, piuttosto che cambiare la cura, ridurrei la dose.
Scopri la cosa giusta da fare

Giada ha commesso una leggerezza molto frequente: al primo insorgere di un effetto collaterale, in questo caso dovuto a una riduzione eccessiva della pressione (il giramento di testa), ha ridotto l’assunzione della terapia, fino a sospenderla del tutto.

È opportuno che il medico prenda innanzitutto coscienza dell’accaduto e, anziché prescrivere una cura diversa o rinviare addirittura il paziente a un altro collega, riduca il dosaggio del farmaco.

Ognuno, infatti, risponde in maniera differente, e nel caso dell’ipertensione è importante stabilire, in base all’effetto ottenuto e alla tollerabilità, la dose più adeguata al singolo individuo. Il medico, inoltre, deve stimolare il paziente a riferirgli qualsiasi cosa e a non fare di testa propria.

Potrebbe interessarti anche

Giochi

30 Novembre 2023

Caccia all’errore: l’architetto frettoloso

Come ogni mattina Alfredo, architetto 40enne, sta per uscire di casa con la sua immancabile valigetta. È in leggero ritardo e, poiché la moglie è ancora intenta a vestirsi, le […]

Lettura: 2 min

Giochi

30 Novembre 2023

Caccia all’errore: lo spettro del digiuno

Ad Alberto, 70 anni, è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 quattro anni fa. Sono le due del pomeriggio e fuori c’è un bel sole. Mentre è sul divano, […]

Lettura: 2 min

Giochi

30 Novembre 2023

Caccia all’errore: una casalinga un po’ distratta

Marisa, casalinga di 53 anni, deve prendere la sua pastiglia per la pressione. Va in bagno e appena apre l’armadietto dei farmaci viene investita da alcune confezioni, che cadono a […]

Lettura: 2 min

Giochi

30 Novembre 2023

Se il medico fossi tu? Il caso di Vittorio

Cosa faresti in questo caso se fossi tu il medico di famiglia? Leggi il commento finale, che ti può aiutare a capire l’importanza dell’aderenza e della strategia per promuoverla. A […]

Lettura: 2 min