Se il medico fossi tu? Il caso di Vittorio

Lettura: 2 min

Cosa faresti in questo caso se fossi tu il medico di famiglia? Leggi il commento finale, che ti può aiutare a capire l’importanza dell’aderenza e della strategia per promuoverla.

A Vittorio, impiegato, è stato recentemente diagnosticato il diabete di tipo 2 e vi mostra gli esami del sangue.

Vittorio

Buongiorno, dottore, come andiamo? Io non tanto bene… Eppure ho seguito le sue indicazioni… Giudichi lei!

Voi

Guardiamo subito questi esami… Uhm, sì, ha ragione, mi sarei aspettato qualcosa di meglio! È sicuro di aver messo in pratica tutto quello che le avevo detto di fare?

Vittorio

Sì, guardi, ho impostato il mio cellulare, che mi ricorda tutti i giorni le pastiglie che devo prendere! È impossibile dimenticarsi o sbagliare!

Voi

Non lo metto in dubbio, ma… Cammina tutti i giorni per almeno mezz’ora? Mi aveva promesso che sarebbe andato in ufficio a piedi… Rispetta la dieta che le ho dato? Non mi sembra che abbia perso peso! Ha smesso poi di fumare?

Vittorio

Beh, insomma, calma, non proprio. Sono appena tornato da una piccola vacanza… Ho dormito parecchio! Il peso lasciamolo perdere, forse ho anche messo su un paio di chili! Deve però darmi atto che sono riuscito a ridurre il numero di sigarette!

Cosa faresti tu?

  • Prescriverei a Vittorio una cura più drastica.
  • Suggerirei di iscriversi in palestra.
  • Consiglierei un giorno di digiuno per recuperare.
  • Spiegherei che la migliore efficacia della cura dipende anche dal cambiamento delle abitudini, e che deve impegnarsi di più.
Scopri la cosa giusta da fare

Vittorio è un tipo un po’ pigro. Usa, giustamente, il cellulare per non dimenticarsi le cure, ma non ama evidentemente faticare per correggere le sue abitudini.

Nel suo caso è importante osservare che l’aderenza non riguarda soltanto i farmaci ma anche lo stile di vita, la cui correzione, nel diabete, rappresenta il primo obiettivo da raggiungere, ancora prima di fare ricorso ai farmaci.

Il digiuno non sarebbe produttivo, come pure non sarebbe opportuno ricorrere a una terapia più pesante senza intervenire sull’alimentazione. L’iscrizione in palestra non sarebbe una scelta sbagliata, ma in questo momento non prioritaria, in quanto Vittorio potrebbe cominciare a combattere la sedentarietà in una maniera più facile e altrettanto efficace.

Potrebbe interessarti anche

Giochi

30 Novembre 2023

Caccia all’errore: l’architetto frettoloso

Come ogni mattina Alfredo, architetto 40enne, sta per uscire di casa con la sua immancabile valigetta. È in leggero ritardo e, poiché la moglie è ancora intenta a vestirsi, le […]

Lettura: 2 min

Giochi

17 Ottobre 2023

Se il medico fossi tu? Il caso di Giada

Cosa faresti in questo caso se fossi tu il medico di famiglia? Leggi il commento finale, che ti può aiutare a capire l’importanza dell’aderenza e della strategia per promuoverla. Giada […]

Lettura: 2 min

Giochi

30 Novembre 2023

Caccia all’errore: lo spettro del digiuno

Ad Alberto, 70 anni, è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 quattro anni fa. Sono le due del pomeriggio e fuori c’è un bel sole. Mentre è sul divano, […]

Lettura: 2 min

Giochi

30 Novembre 2023

Caccia all’errore: una casalinga un po’ distratta

Marisa, casalinga di 53 anni, deve prendere la sua pastiglia per la pressione. Va in bagno e appena apre l’armadietto dei farmaci viene investita da alcune confezioni, che cadono a […]

Lettura: 2 min