Facilità di assunzione delle terapie per favorire l’aderenza

Lettura: 3 min

Nella gestione delle patologie cardiovascolari, la complessità terapeutica, in particolar modo per coloro che assumono statine o inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEI) o antagonisti del recettore dell’angiotensina II (ARB),1 rappresenta un ostacolo significativo all’aderenza alla terapia prescritta, che può compromettere gli obiettivi della gestione della malattia, da parte dei pazienti, ed è associata a un aggravarsi di morbilità e mortalità.1

La valutazione di tale complessità ha evidenziato come, a una ridotta aderenza alla terapia, concorrono diversi fattori, tra cui:1

  • il numero totale di prescrizioni
  •  il numero di medici specialisti prescrittori dei trattamenti
  •  il numero di farmacie in cui rifornirsi dei diversi farmaci e il grado di disponibilità di questi ultimi;

Inoltre, i pazienti che assumono più farmaci contemporaneamente, nello stesso momento della giornata, tendono ad avere una migliore aderenza alla terapia prescritta rispetto a quelli che hanno le assunzioni organizzate in diversi momenti della giornata.1

Sebbene parte di questa complessità sia inevitabile per curare le malattie croniche e prevenirne le complicanze, questi punti sono da attenzionare per il medico prescrittore, in quanto possono essere fattori predittivi di una futura scarsa aderenza terapeutica.1

Semplificare il trattamento dei pazienti rappresenta quindi una strategia efficace per migliorare l’aderenza alla terapia cardiovascolare. Ci sono diverse strategie che i medici e i fornitori di assistenza sanitaria possono adottare per ridurre la complessità terapeutica e favorire un migliore rispetto della terapia:

1. Promuovere il consolidamento delle prescrizioni: Incentivare i pazienti a soddisfare le loro prescrizioni in un’unica visita alla farmacia può, ad esempio, ridurre la frequenza delle visite e semplificare il processo di gestione della terapia.1

2. Ottimizzare la terapia con farmaci combinati: Quando possibile, prescrivere farmaci combinati, anziché diversi farmaci separati, può ridurre il numero complessivo di prescrizioni e semplificare il regime terapeutico del paziente. Le polipillole, che combinano più farmaci in un’unica compressa, offrono una soluzione promettente alla complessità dei regimi di trattamento. Numerosi studi hanno, infatti, dimostrato la superiorità della terapia con polipillola rispetto alle cure convenzionali, ad esempio nel caso dell’ipertensione, nel ridurre il rischio di morte cardiaca prematura e di eventi cardiovascolari maggiori.2

3. Educazione e coinvolgimento del paziente: Fornire informazioni dettagliate sui farmaci prescritti, sottolineandone gli scopi, può aumentare la comprensione, da parte del paziente, del proprio stato di salute e rendergli chiara la necessità dell’aderenza terapeutica.1

L’adozione di approcci incentrati sul paziente e sull’ottimizzazione della gestione terapeutica può contribuire a ridurre il carico di complessità e favorire una migliore salute cardiovascolare, per tutti i pazienti. La terapia con polipillole potrebbe, ad esempio, essere uno di questi approcci chiave, con una conseguente riduzione, stimata, del 25% dei casi di morte cardiaca prematura, entro il 2025.2

Scopri di più con il Prof. Claudio Ferri:


Bibliografia

1. Choudhry NK, et al. The Implications of Therapeutic Complexity on Adherence to Cardiovascular Medications. Arch Intern Med. 2011;171(9):814–822. doi:10.1001/archinternmed.2010.495

2. Narita, K.; Hoshide, S.; Kario, K. Polypill Therapy for Cardiovascular Disease Prevention and Combination Medication Therapy for Hypertension Management. J. Clin. Med. 2023, 12, 7226. https://doi.org/10.3390/jcm12237226

Potrebbe interessarti anche

Aderenza Terapeutica

16 Maggio 2024

I benefici dell’aderenza alla terapia

La corretta aderenza alla terapia farmacologica rappresenta un pilastro fondamentale nella gestione efficace delle malattie cardiovascolari, offrendo numerosi vantaggi per i pazienti affetti da tali condizioni. Ma è possibile quantificare […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

2 Maggio 2024

Aderenza alla terapia e prevenzione (primaria e secondaria)

Insieme all’aderenza terapeutica, la prevenzione primaria e secondaria ha un ruolo chiave nella gestione delle malattie cardiovascolari. È importante quindi, innanzitutto, darne una corretta definizione. La prevenzione primaria mira ad […]

Lettura: 3 min

Aderenza Terapeutica

18 Aprile 2024

La consapevolezza del paziente: il punto di vista del medico e del paziente

È ormai consolidato che la terapia farmacologica abbia un ruolo centrale nella prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari.1 La scarsa aderenza terapeutica da parte dei pazienti è di complessa […]

Lettura: 4 min

affetti desiderati - La costanza e l’impegno
Aderenza Terapeutica

28 Marzo 2024

La costanza e l’impegno

Successivamente alla diagnosi di un disturbo cardiovascolare, il cardiologo, oltre a prescrivere una terapia specifica, suggerisce di prestare particolare attenzione allo stile di vita, dal momento che obesità, fumo e […]

Lettura: 4 min

affetti desiderati - aderenza in Italia
Aderenza Terapeutica

4 Aprile 2024

L’aderenza in Italia

Le malattie cardiovascolari, tra tutte le patologie non trasmissibili, sono la principale causa di morte, ospedalizzazione e disabilità1A. Per trattarle, oltre a limitare i fattori di rischio cardiovascolare – come […]

Lettura: 4 min